The Other Side

Fai click sulle immagini per ingrandirle:

The Other Side (video)
Rimbaud & Jim Morrison

Tratto da Una Stagione in Inferno di Rimbaud e dall’opera dei due poeti

 

con
Luigi Marangoni

Cura del testo, Luigi Marangoni, Claudio Pozzani
Musiche, The Doors, Bach
Luci Lucignolo
Costumi Miliuccia Gaggero
Grafica Cristina Schembri
 
Supervisione artistica
Lazzaro Calcagno

Responsabile organizzativo
Raffaele Casagrande

 

Una coproduzione del Teatro Il Sipario Strappato e Il Festival Internazionale di Poesia, The Other Side - Rimbaud & Jim Morrison è il racconto intimo di una ribellione.

Tutto è iniziato con la lettura del libro di Wallace Fowlie “Rimbaud e Jim Morrison – il poeta come ribelle”. In questo libro il professore di letteratura francese della Duke University, mette in relazione l’opera del poeta francese con quella del cantante dei Doors, trovando profonde analogie tra di loro. Vede Jim Morrison (1943 – 1971)  inserito nella tradizione del poeta –vagabondo, che ha le sue prime avvisaglie nel medioevo, e di cui Rimbaud (1854 – 1891) rimane uno dei più importanti rappresentanti.
Rimbaud smette improvvisamente di scrivere a vent’anni e Jim Morrison si allontana dai Doors a ventisette anni, all’apice della sua carriera. La loro opera è una profonda testimonianza non solo della Stagione del caos, della rabbia, dell’inferno, ma anche del coraggio della purezza e della ricerca della luce.
Si parla di una metamorfosi: l’addio ad un passato e il tentativo di voltare pagina.
“Bisogna essere assolutamente moderni”, dice Rimbaud alla fine della Stagione: significa che per  conquistare “le fulgide città”, la felicità, bisogna avere il coraggio di vivere con coerenza l’addio decisivo, l’addio ad una vita di distruzione.

Ho riconosciuto nei loro versi la presenza di un sentimento che anch’io porto con me:  il desiderio che ogni atto della vita sia vissuto pienamente. E’ un’ aspirazione che ho da sempre, anche se spesso mi sorprendo in preda all’ansia per futuro e o alla nostalgia del passato, dimenticando il presente. La loro vita si è consumata velocemente. Hanno alimentato il loro fuoco di conoscenza senza sosta, e la legna è finita presto; ma da allora il fulgore di quel fuoco continua a brillare nella notte e la loro poesia è straordinariamente viva.
Luigi Marangoni

 

“Anche il più amaro dei poeti-vagabondi è un pagliaccio che batte la frontiera”.
In questi versi di Jim Morrison è racchiuso un mondo, quel mondo che ci emoziona e ci emozionerà per sempre. Il mondo che ha acceso la fiamma per bruciare
nell’omaggio a questi due grandi poeti.
Lazzaro Calcagno

( Foto a cura di Francesco Zambelli )

video da sito esterno: