SABATO 18 FEBBRAIO ORE 21.00, EMANUELA ROLLA IN NICHT SO ABER SO – NON COSÌ, MA COSÌ, TEATRO IL SIPARIO STRAPPATO MUVITA

immagini: 
Sabato 18 febbraio ore 21, Teatro Il Sipario Strappato Muvita, via Marconi 165, Arenzano (GE)
NICHT SO ABER SO – NON COSÌ, MA COSÌ 
Spettacolo teatrale liberamente ispirato alle canzoni di Bertolt Brecht 
 
Regia e interprete: Emanuela Rolla  
Musica: MONS DJ 
Produzione Performer-Espressione Applicata 
 
Con NICHT SO ABER SO – NON COSÌ, MA COSÌ, Emanuela Rolla incontra la poetica e l’energia delle canzoni di Bertolt Brech in uno spettacolo che trova nella forza delle parole di uno dei poeti più rappresentativi del 900, il suo arco narrativo. Il titolo dello spettacolo è la formula di Brecht per eccellenza: nell'azione che si sta compiendo c'è anche la possibilità di un altra azione che non viene compiuta. 
 
Una sedia, alcuni vestiti, dei cartelli e un attrice. Questa è la formula scelta dall’attrice genovese per portare in scena la sua rappresentazione dell’immaginario brechtiano interpretando durante tutto lo spettacolo le diverse anime femminili raccontate dal drammaturgo tedesco. Sul palco, accompagnata dalle musiche elettroniche di Mons Dj,  Emanuela Rolla interpreta le figure simbolo della poetica di Brecht indossando gli abiti di donne dalle diverse anime, alcune diseredate, altre maliziose, alcune tenere, altre ribelli o disperate, altre combattenti, ma tutte incantate. 
 
L’attrice e performer genovese si pone in questa produzione come una figura femminile che gioca a tramutarsi continuamente diventando essa stessa uno spettacolo nello spettacolo. Non così, ma così, rappresenta Il bene e il male, la felicità privata, la giustizia sociale, l’armonia e lo scontro tra differenti identità sessuali, vite e doppie vite. Figure femminili sul palco si alternano, portando con sé il sogno d’amore e l’istinto a prendersi cura degl’altri. Le composizioni poetiche di Brecht, alcune solo poesie, altre poi musicate e diventate canzoni hanno il potere di creare meraviglia, per la loro forza di contemporaneità e di visionarietà, e disincanto, per come appaiono crude e urlate. Ed è quell'urlo, quella stessa voce rauca che canta della vita considerandola come cosa complessa, effimera, contraddittoria.
Ingresso Intero 12 €
Ingresso ridotto 10 €
info e prenotazioni 3396539121