SABATO 21 GENNAIO, ORE 21.00, ALESSANDRA FRABETTI IN CIò CHE RESTA... SERATA DI DISONORE, TEATRO IL SIPARIO STRAPPATO MUVITA

immagini: 

 

 

Sabato 21 gennaio ore 21, Teatro Il Sipario Strappato Muvita, via Marconi 165, Arenzano (GE)


Alessandra Frabetti

Ciò CHE RESTA… SERATA DI DISONORE

Di e con Alessandra Frabetti


Lo spettacolo è una sorta di serata d'onore, declinata in modo tra l'ironico e lo struggente, costituita da frammenti del repertorio di Frabetti degli ultimi dieci anni di attrice prevalentemente comica, ma anche con monologhi talvolta  drammatici e con novità interpretative assolutamente divertenti, sfizi insomma che l'attrice si vuole togliere prima che sia troppo tardi: proprio "ciò che resta" della vita personale e professionale di una donna, madre, attrice. Il fil rouge che crea infatti il tessuto connettivo della serata, più di disonore che d'onore, è costituito prevalentemente dall'esplorazione drammaturgica delle "relazioni pericolose", sbagliate e infelici fra donna e uomo, fra lavoratore e capo, fra amico e amico/nemico, in cui domina sempre l'asimmetria, la dissonanza, la disarmonia.......insomma si preannuncia una prova d'attrice atroce! Buon divertimento a tutti!


Ingresso Intero 12 €

Ingresso Ridotto 10 €


info e prenotazioni 3396539121


Alessandra Frabetti si è diplomata nel 1974 presso l’Accademia Antoniana d’Arte Drammatica di Bologna e l’anno seguente ha conseguito la laurea al DAMS della stessa città, discutendo una tesi di storia dell’arte teatrale. 
Attrice professionista dal 1975 ha collaborato a diversi spettacoli, in particolare, con il Teatro Nuova Edizione - Teatro delle Moline e con Nuova Scena – Arena del Sole, lavorando con Luigi Gozzi , Marinella Manicardi, Nanni Garella, Lorenzo Salveti, Claudio Longhi e altri registi. I suoi ultimi spettacoli sono Anna Cappelli di Annibale Ruccello (per la cui interpretazione è stata segnalata al premio Ubu), E tu allora? dai racconti di Marina Mazzau e Morandi con la regia di Marinella Manicardi, Ivanov di Cechov, Locandiera di Goldoni, Riccardo III diretti da Jurij Ferrini, Storie naturali di Edoardo Sanguineti con la regia di Claudio Longhi e Bello Ciao con Vito. Nella stagione appena conclusa ha interpretato Rusc’hera con la regia di Ivano Marescotti e Le regole del saper vivere nell’età moderna, monologo di Jean Luc Lagarce prodotto dall’Arena del Sole – teatro stabile di Bologna. Dal 1981 si è dedicata anche alla formazione dell’attore: come docente di recitazione ha insegnato, tra gli altri, presso la Scuola di Teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone”, alla Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova e al Conservatorio di Padova “Cesare Pollini”; attualmente continua a svolgere attività didattica e laboratoriale presso diverse scuole e teatri, tra cui il Teatro delle Moline-Arena del Sole-Teatro stabile di Bologna e il Teatro Lab diretto da Giorgio Comaschi e Antonio Albanese, di cui è vicedirettrice. Dal 1999 è docente di fonetica e dizione in corsi di formazione professionale della provincia di Bologna finalizzati alla costituzione di una compagnia teatrale di disabili psichici.